Dignità a venire

23.75

N. Pagine: 354
Collana: Logon Didonai – Testi
Anno di pubblicazione: 2019
Materia: Filosofia del diritto
ISBN: 978-88-9391-671-4

 

Disponibile

ISBN: 978-88-9391-671-4 COD: 978-88-9391-671-4 Categorie: , Tag:

Descrizione

Se da un lato il diritto contemporaneo riconosce solennemente il carattere inviolabile della dignità umana, dall’altro è innegabile che sotto i nostri occhi si moltiplichino le situazioni e le esperienze in cui viene smentito il principio filosofico che la fonda, cioè l’irriducibilità degli esseri umani a cose o oggetti vendibili o acquistabili, dai quali trarre profitti economici, al tempo stesso immediati e illimitati. Secondo la proposta avanzata in questo libro – attraverso un percorso tanto storico-genealogico quanto teoretico – la filosofia del diritto ha il compito ineludibile di ripensare la dignità mettendola in relazione diretta alle sfide concrete che la minacciano, riconducibili in ultima analisi a due grandi questioni contemporanee, i beni comuni e la responsabilità per le generazioni future. Una rilettura radicale della dignità umana, fungendo da legame tra beni comuni e responsabilità intergenerazionale, impone un’inversione di rotta allo sfruttamento intensivo del presente e delle sue risorse limitate, perché un tale sfruttamento, se lasciato a se stesso, rischia di precludere alla nostra epoca ogni accesso al futuro. La dignità umana, che non possiede alcun nucleo sostanziale già da sempre garantito, è la vera posta in gioco di un progetto politico-giuridico tutto da costruire per il mondo a venire.

Informazioni aggiuntive

Peso 1 kg